ponteacco
Ricerca News per Anno
ponteacco  

10/02/2019 :

I rimedi dei malesseri nel Medioevo e nell’Età Moderna (3/3). I medici medievali e dell’Età moderna erano anche consapevoli del rapporto tra salute e ambiente: riconoscevano l’importanza dell’aria e dell’acqua pulite. Si pensi che, a proposito dell’aria, anche qui in paese c’erano abitazioni che non avevano il camino e la legna bruciava nel fogolar in mezzo alla stanza affumicando tutto l'ambiente. Pensavano che la peste, che colpì Cividale e Udine, ma non le Valli, fosse trasmessa dall’acqua inquinata da letamai. Nel XV secolo la medicina fece grandi sforzi per aiutare i più giovani a superare le fasi più delicate dell’infanzia e dell’adolescenza e a raggiungere così l’età adulta. In quei tempi c’era più di qualcuno che superò i 65 anni d’età e “agli anziani non si raccomandano purghe e salassi se non per grave necessità, mangiare buon cibo non troppo cotto (per chi se lo poteva permettere), bere vino rosso invecchiato ed evitare quello giovane e quello bianco". Una minima percentuale arrivava alla terza età, ai 70 o più anni: la maggior parte contraeva infezioni, si fratturava le ossa finendo le ultime sue giornate a letto se si trattava del bacino, sviluppava malattie croniche. Per occuparsi di tutti questi casi c’era una discreta gamma di praticanti della professione medica: medichi, chirurghi, speziali e altri tipi di guaritori, tutti a pagamento, che raggiungevano i luoghi più decentrati con il cavallo o il calesse. Le medicine erano costituite da elementi animali, molti vegetali e minerali, alcuni facili a reperirsi, altri decisamente esotici.

mezzana
mezzana
tiglio
tiglio
 
home storia e attualità statuto eventi opinioni gallery webcam foto settimana meteo contatti video